Sport

Colombia, ucciso italiano in un agguato a Cali

Colombia, ucciso italiano in un agguato a Cali”

Un rapido sguardo di conferma attraverso il finestrino abbassato del veicolo, poi il killer ha estratto la pistola esplodendo in rapida sequenza otto colpi: uno dei proiettili (stando a quanto affermato ieri in tarda serata dalla polizia di Cali) ha raggiunto alla testa l'obiettivo, non lasciandogli scampo.

Emanuele Martini, originario di Mel, nel bellunese è stato ucciso mercoledì mattina nel quartiere San Luis. Era anche scoppiata una rissa e in quell'occasione era partito un colpo di arma da fuoco. Gli aggressori sono poi rapidamente fuggiti, mentre Martini è stato soccorso da una pattuglia della polizia di passaggio e trasportato al vicino ospedale Joaquín Paz Borrero.

Martini, di professione topografo, era arrivato a Cali sei anni fa, seguendo una donna colombiana insieme alla quale aveva aperto una panetteria, ma, dopo una serie di problemi con la compagna ed i suoi fratelli, aveva chiuso il negozio e interrotto la relazione. Gli investigatori colombiani pensano che proprio per far ciò abbia chiesto un prestito a malviventi legati alla criminalità organizzata. Poi la sua via aveva preso un'altra strada.

L'attuale moglie dell'uomo, prontamente messa sotto protezione, avrebbe parlato invece di un delitto legato a vecchi rancori, forse a una violenta lite avvenuta lo scorso anno tra il 44enne e il proprietario del mezzo che guidava per lavoro, che aveva aggredito Martini a colpi di pistola ferendolo a un occhio.

Una "condanna a morte" che potrebbe essere legata a un precedente, e inquietante, episodio che aveva visto come protagonista lo stesso Martini. Ne era seguita una denuncia e il processo, ancora in corso. Fonti della Farnesina escludono tuttavia che l'ambasciata italiana in Colombia fosse stata informata da Martini relativamente a situazioni di pericolo per l'incolumità dello stesso.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato