Salute

Donna incinta avvelenata dal compagno con soda caustica

Donna incinta avvelenata dal compagno con soda caustica”

"Il movente non è ancora chiaro, detto questo la procura non intende fornire ulteriori particolari rispetto alla donna e al figlio che ha in grembo", ha dichiarato il procuratore aggiunto di Bologna, Valter Giovannini. La donna, che lavora come infermiera nell'assistenza domiciliare, si trova adesso ricoverata in gravi condizioni all'ospedale Maggiore di Bologna. La donna residente a Bazzano (Bologna) e di origine toscana, avrebbe ingerito una bevanda gassata contaminata dalla soda caustica. Gli inquirenti stanno valutando se, con quella sostanza, avrebbe voluto tentare di farla abortire. È da verificare l'ipotesi che il feto abbia delle malformazioni. Al Maggiore i medici hanno constatato che le condizioni di salute della signora erano ben più gravi di quanto appariva inizialmente. Il compagno, non convivente, avrebbe spiegato ai sanitari che l'insorgere dei sintomi da avvelenamento sarebbe avvenuto poco dopo aver bevuto una bibita gassata acquistata presso un supermercato della zona. L'uomo è un dipendente pubblico e ha confermato la sua confessione nel corso dell'udienza di convalida.

La gravidanza della compagna, con cui aveva una relazione da poco, e soprattutto il problema riscontrato al bambino avevano fatto nascere in lui, 35enne, una profonda angoscia.

E' finito in carcere l'uomo che ieri ha avvelenato la compagna incinta al settimo mese.

Per manifestare la vicinanza alla concittadina "ma anche per tutte le donne vittime di violenza e femminicidio. Un modo per incoraggiare le donne che hanno paura, a parlare, a denunciare la situazione, a chiedere aiuto".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato