Sport

Milan, Berlusconi: "Dopo 30 anni è ora di passare la mano"

Milan, Berlusconi:

Così il presidente rossonero ha confermato la volontà di lasciare il Milan e vendere la società. "In me rimane un grande rammarico". Cristian Brocchi, intervistato da "Premium Sport", non sa ancora cosa gli riserva il futuro. Lo ha ribadito ai microfoni di Tele Radio Più. Con Berlusconi sono sempre in contatto: mi stima e sa quanta voglia ci ho messo, ma la scelta di una possibile riconferma non tocca a me. Certo - prosegue Maldini - mi riesce difficile immaginare un Milan senza Berlusconi, dopo 30 anni di gestione.

Il suo posto in panchina dipende strettamente dal futuro di Berlusconi: "Se Berlusconi dovesse restare presidente sicuramente rimarrò in panchina? Adesso il mio obiettivo è quello di vivere dall'inizio un percorso che potrebbe darmi qualcosa di importante". Di sicuro non lo so, pero' il fatto di godere della sua stima pende dalla mia parte. La speranza è che qualsiasi sia la sua decisione societaria io possa rimanere ancora l'allenatore del Milan. Ibra risolverebbe molti problemi al Milan?

Berlusconi è anche un po' stufo per le continue esose richieste dei calciatori: "L'arrivo dei soldi del petrolio ha fatto sì che se si pensa a quello che viene valutato come un top player sembra di essere dentro un Monopoli". I commenti che facevano su di lui erano diversi da quelli di questo momento.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato