Esteri

Shopper illegali, al Sud fino al 60% non in regola

Shopper illegali, al Sud fino al 60% non in regola”

Sono vari invece, e riscontrati su tutto il territorio nazionale, i casi di buste non a norma o che espongono false dichiarazioni di conformità, che minano una filiera nazionale che, nella piena applicazione della legge, può valere fino a un miliardo di euro.

Roma, 8 giu. - (AdnKronos) - Sequestrati in Sicilia e Calabria oltre 200 mila shopper non in regola e più di duemila chili di materia per la produzione dei sacchetti, con contestazione di decine di illeciti amministrativi, multe fino a 1 milione e 800 mila euro e il deferimento all'Autorità giudiziaria di trentotto soggetti per frode nell'esercizio del commercio e concorso nel reato. "È una bella notizia - ha commentato il ministro dell'Ambiente - che ci deve dare un'ulteriore spinta nella guerra agli 'shopper tarocchi' e alle contraffazioni che nascondono spesso traffici illeciti legati ad interessi criminali".

"Sugli shopper l'Italia ha avuto sempre una posizione d'avanguardia nella Ue, orientata al massimo grado di tutela ambientale contro ogni violazione e contraffazione pericolosa per l'ambiente e per l'economia", ha spiegato ai giornalisti Galletti, che ha ricordato la notiza giunta da Bruxelles in merito all'archiviazione della procedura d'infrazione contro l'Italia in tema di sacchetti. Questi alcuni dei numeri di un'operazione 'pilota' della Guardia di Finanza terminata nelle scorse settimane e concentrata su due Regioni, Calabria e Sicilia, e presentata al ministero dell'Ambiente da Gian Luca Galletti e dal Generale Gennaro Vecchione, a capo del Comando unità speciali della Guardia di Finanza. Per questo la Guardia di Finanza, su impulso del ministero dell'Ambiente, si impegna a intensificare i controlli a tutela dell'ecosistema, dei consumatori e del settore industriale della chimica verde.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato