Esteri

Spari e morti a Tel Aviv

Spari e morti a Tel Aviv”

Due ventenni palestinesi - travestiti da ebrei ultraortodossi - hanno aperto il fuoco al mercato di Sarona, a Tel Aviv, uccidendo 4 persone, tra cui una bimba di 4 anni, e ferendone diverse altre. La polizia israeliana ha confermato che due sono stati arrestati, e un terzo è stato colpito dai proiettili sparati da un civile armato che si trovava in zona. Inizialmente si era parlato della possibilità che ci fosse un terzo attentatore, ma la polizia ha smentito questa ipotesi. Secondo alcuni testimoni citati da Yedioth Ahronoth spari sono stati uditi anche vicino, sulla via Carlebach, il segno che ci sia più di un assalitore. La polizia non ha ancora svelato l'identità degli assalitori. Nove persone sono rimaste ferite, una delle quali è in pericolo di vita e due sono gravi.

Il bilancio provvisorio. Tre i morti. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu, appena atterrato di ritorno da Mosca, ha subito indetto una riunione dei servizi di sicurezza a Tel Aviv. In un tweet, anche questo riportato dai media israeliani, Ismail Haniyeh leader di Hamas ha scritto: "Gloria e saluti agli autori della sparatoria al Mercato di Sarona". Si tratterebbe di due palestinesi che provengono da Atta, un villaggio nei pressi di Hebron in Cisgiordania.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato