Esteri

Ucraina, fermato francese con arsenale. "Progettava 15 attentati a Euro 2016"

Ucraina, fermato francese con arsenale.

Quest'ultimo, stando alle indagini svolte dalle autorità ucraine, si era recato nell'est Europa per procurarsi armi di vario genere in previsione della progettazione di attentati programmati per lo svolgimento degli Europei Francia 2016.

L'arresto è stato effettuato dalle autorità ucraine lo scorso 21 maggio, ma a riferire la notizia ai media, nella giornata di lunedì 6 giugno, è stato Il capo dei servizi di sicurezza di Kiev, Vasily Gritsak. L'arresto è avvenuto al checkpoint di Yahodyn, al confine con la Polonia. Tra i suoi obiettivi c'erano moschee, sinagoghe e ponti.

Secondo Grytsak, il giovane arrestato ha espresso la sua opposizione "alla politica del suo governo per quanto riguarda l'afflusso di stranieri in Francia, la diffusione dell'Islam e della globalizzazione".

Domenica il presidente francese aveva ribadito l'allarme relativo agli Europei di calcio in programma in Francia. Durante una perquisizione, le forze dell'ordine ucraine hanno trovato esplosivi e lanciarazzi.

Ora gli inquirenti stanno cercando di appurare se i sospetto sia un fanatico, un appartenente a qualche gruppo criminale internazionale o a un'organizzazione terroristica. Gli agenti ucraini sono inoltre alla ricerca di un eventuale complice, una persona vista circolare a bordo di un'altra auto. Alcuni dei residenti locali lo hanno descritto come un uomo discreto che si vedeva in giro raramente.

"La minaccia contro la sicurezza di Euro 2016 esiste e vale per un periodo che sarà lungo".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato