Finanza

Ferrari: trimestre record, utile +35%, ricavi +5,9%

Ferrari: trimestre record, utile +35%, ricavi +5,9%”

Al rialzo anche le entrate generate da interessi attivi del gruppo Ferrari Financial Services e dalla gestione dell'autodromo del Mugello, saliti a 34 milioni (+24%).

La performance delle consegne è stata trainata da una crescita del 16% delle vendite dei modelli a 8 cilindri (V8), guidata dal successo dei due modelli recentemente lanciati: la 488 GTB e la 488 Spider.

Tale contrazione è da addebitare alla dismissione graduale della F12 Berlinetta e al termine della commercializzazione de La Ferrari. Previsto infine in flessione l'indebitamento industriale netto, che a fine esercizio dovrebbe scendere sotto la soglia dei 730 milioni.

Sulla base delle voci precedentemente descritte, l'utile netto adjusted per il Q2 2016 si è attestato a Euro 104 milioni, facendo registrare un incremento di Euro 26 milioni (+35%). I ricavi sono aumentati del 6% a 811 milioni mentre l'Ebitda è migliorato dell'8% a 207 milioni. Le consegne totali hanno raggiunto le 2'214 unità, con un aumento dell'8% (+155 unità). A compensare questo beneficio hanno contribuito gli oneri per richiami relativi ai dispositivi di gonfiaggio degli airbag forniti da Takata.

Trimestrale imbottita di variazioni positive per Ferrari.

Al 30 giugno 2016, l'indebitamento industriale netto è stato di 763 milioni di euro, in miglioramento rispetto a 782 milioni al 31 marzo del 2016 grazie alla generazione di free cash flow industriale, compensato da una distribuzione di cassa ai possessori di azioni ordinarie pari a 87 milioni di euro e dai dividendi pagati agli azionisti di minoranza, per un importo di 13 milioni.

Il 5 luglio 2016 Ferrari ha svelato le prime immagini del modello LaFerrari in versione scoperta, la nuova serie speciale limitata.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato