Italia

I nuovi bonus dal 2017 per le famiglie in attesa

I nuovi bonus dal 2017 per le famiglie in attesa”

Mille euro l'anno per il buono nido. Il ministro ha ricordato il problema delle 'culle vuote', cioè della denatalità - si è passati da 580mila nuovi nati nel 2007 a 488mila nel 2015 - e la necessità di affrontare questa criticità con una politica pluriennale a sostegno dei nuclei familiari. Entrambe le misure sono garantite indipendentemente dal reddito.

Altro incentivo confermato è quello relativo ai voucher per la baby sitter ed è rivolto a tutte le mamme lavoratrici che rientrano al lavoro subito dopo i cinque mesi di assenza obbligatoria, ed infine introdotto anche un bonus bambini rivolto a quei nuclei familiari con buste paga più basse.

Tra i tanti settori in cui la Legge di Stabilità 2017 interverrà, si sarà spazio anche per la famiglia, il pilastro su cui si basa la società Italiana, anche il governo la pensa allo stessa stregua e per questo ha previsto Bonus ed Incentivi per i Nuceli Familiari ed i nuovi Nati nel 2017, nel dettaglio ssaranno previsti 800 euro ancora prima prima della nascita del pargolo e 1.000 euro l'anno per l'iscrizione all'asilo nido, indipendentemente dal reddito. Per i nuclei con Isee inferiore a 7.000 euro l'anno si sale a 160 euro al mese pari a 1.920 l'anno. In particolare, verrà affrontato il tema del Fattore famiglia per riconoscere un trattamento fiscale con vantaggi crescenti in rapporto al numero dei figli.

Nella Legge di Bilancio 2017 è prevista una misura complementare al bonus bebè (che resta ma non aumenta) che si chiama 'Mamma domani' e prevede un assegno di 800 euro per tutti i nuovi nati dal primo gennaio 2017, "serve per le prime spese e si richiede già durante la gravidanza". Mentre il contributo, difatti, è erogato al posto della fruizione del congedo parentale, il buono nido è erogato a prescindere, in tutti i casi in cui il bambino è iscritto a un asilo nido (anche se non è stato ancora chiarito se le due misure possano essere cumulate).

La legge di bilancio prevede un buono fino a mille euro l'anno per i primi tre anni del bambino per tutti i nati dopo il 1° gennaio 2016, senza limiti di reddito da usare per asili nido pubblici e privati. Raddoppiato infine l'assegno per le famiglie che hanno un reddito lordo annuo inferiore ai 7.000 euro. Il voucher dura per i sei mesi corrispondenti al congedo facoltativo a cui la donna rinuncia. Dal 2017 si sale a 40 milioni.

Nei prossimi tre anni il governo metterà 60 milioni di euro a costituzione di un fondo che servirà a garantire i prestiti a tasso agevolato a favore delle famiglie per le spese legate all'arrivo di un figlio.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato