Italia

In casa di cura schiaffi e minacce

In casa di cura schiaffi e minacce”

I carabinieri della Compagnia di Battipaglia, Salerno, hanno eseguito un'ordinanza di misura cautelare interdittiva del divieto di esercitare l'attività imprenditoriale di gestore di casa di riposo per anziani nonché la professione di operatore socio-assistenziale, nei confronti di 18 persone, direttore e dipendenti di una casa alloggio per anziani e comunità tutelare, ritenute responsabili di maltrattamenti continuati nei confronti di anziani e minorati psichici. L'accusa pende sulla testa di 18 persone, che sono il direttore e gli operatori di una casa di riposo per persone non autosufficienti di Acerno, nel Salernitano. In particolare le indagini dell'operazione "Bad house", effettuate attraverso intercettazioni e telecamere nascoste, avrebbero evidenziato come sia il direttore che gli operatori si lasciassero andare a percosse, schiaffi, calci, spinte e strattoni nei confronti dei degenti.

Non potevano neppure comunicare con i propri parenti, bere o mangiare oltre agli orari consentiti, perfino usufruire dei servizi igienici quando ne avevano necessità, fino ad arrivare in alcuni casi ad urinarsi addosso.

La Procura della Repubblica di Salerno ha già emesso nei loro confronti delle ordinanze interdittive, eseguite dai carabinieri della Compagnia di Battipaglia. Il provvedimento avrà la durata di 12 mesi, salvo diversa decisione da parte del Tribunale del riesame in caso di ricorso.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato