Italia

Padova, Amarone della Valpolicella contraffatto sequestrato dal supermercato

Padova, Amarone della Valpolicella contraffatto sequestrato dal supermercato”

La catena di supermercati Auchan ha comunicato di aver richiamato l'Amarone Classico della Valpolicella dagli scaffali dei suoi punti vendita in tutta Italia.

Il Corpo forestale dello Stato ha sequestrato ingenti quantitativi di vino Amarone della Valpolicella, contraffatto nella natura e nell'origine, presso il punto vendita di Padova di una catena della grande distribuzione durante il "black friday", giornata dedicata a promozioni eccezionali diffusa negli Stati Uniti e successivamente anche in altri Paesi.

Il Bursôn si è così imposto, nel giudizio del pubblico che alla cieca ha degustato tutti e cinque i vini, nei confronti di: Barolo DOCG dell'Azienda Sordo Giovanni di Castiglione Felletto (CN), Amarone della Valpolicella DOCG dell'Azienda Monte Tondo di Soave (VR), Taurasi DOCG del Viticoltore Terredora Di Paolo di Montefusco (AV), Nobile di Montepulciano DOCG della Fattoria Palazzo Vecchio di Siena.

Le indagini, tuttora in corso, mirano ora a individuare le responsabilità all'interno di una vasta rete criminale estesa sul territorio nazionale: collaborano i comandi provinciali di Venezia, Padova, Brescia, Modena, Vicenza, Roma e Taranto. Il prodotto era presente in diversi punti vendita del nord Italia della suddetta catena della grande distribuzione che, a seguito del provvedimento, lo sta appunto ritirando dal commercio.

I lotti sono stati distribuiti dalla ditta Naif Ingrossi s.r.l. e imbottigliati dalla Vini Valli Verona s.r.l. segnalata come produttore fittizio dalla stessa Auchan. Il Comando Provinciale di Verona ha comunicato che dai primi accertamenti di laboratorio già eseguiti sul vino sequestrato non c'è alcun pericolo per la salute pubblica. Proseguono le indagini al fine di individuare i responsabili dei reati.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato