Italia

Maxi sequestro ad affiliato a Cosa Nostra, si serviva di prestanomi

Maxi sequestro ad affiliato a Cosa Nostra, si serviva di prestanomi”

E' stato sequestrato il patrimonio di circa un milione di euro al presunto affiliato del clan gelese Emmanuello, Nicola Liardo, di 42 anni. I carabinieri e i finanzieri di Caltanissetta hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione.

Liardo è stato tratto in arresto con l'accusa di associazione mafiosa, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti. La complessa indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, ha visto una stretta collaborazione tra l'Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza nella ricerca di fonti di prova, nonché nella dimostrazione della sproporzione tra reddito e patrimonio del nucleo familiare dell'indagato. A essere confiscati sono stati nello specifico 150mila euro in contanti, due immobili nel centro storico di Gela, tra i quali la casa dove viveva la sua famiglia, quattro terreni agricoli e altrettanti veicoli a motore, ma anche una pizzeria-tavola calda gestita da prestanome.

L'azione criminale del Liardo si era infiltrata, così è chiarito nel provvedimento di sequestro, nella gestione delle attività commerciali sequestrate.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato