Esteri

Pavia, esplode la raffineria di Sannazzaro

Pavia, esplode la raffineria di Sannazzaro”

La nube, secondo molti testimoni, si sta spostando con il vento verso l'Oltrepo.

Incendio nella raffineria di San Nazaro de Burgondi (Pavia).Evento in corso. Solo un lavoratore, nel fuggire, sarebbe caduto procurandosi lesioni lievi ad un ginocchio.

Nonostante la raffineria di Sannazzaro si sia recentemente espansa con l'avvio degli impianti del Progetto EST, dove Eni ha iniziato ad utilizzare una nuova tecnologia - 'testata' nella raffineria di Taranto - che prevede un grande utilizzo di idrogeno, l'elemento più reattivo e quindi più pericoloso durante la lavorazione del greggio, per permettere una conversione quasi totale dei combustibili pesanti.

"Ho sentito personalmente l'Ats - ha spiegato l'assessore - che informa che il pennacchio di fumo si propaga verticalmente e in direzione della regione Piemonte". L'incendio ha prodotto fiamme molto alte e una densa colonna di fumo. Non si registrano inquinamenti e nessun paese o città della Provincia è in pericolo. A segnalarlo è la protezione civile regionale. Su questi è prioritario che, oltre i controlli sulla sicurezza degli impianti e del loro funzionamento, ci sia una verifica riguardo i piani di emergenza interni allo stabilimento ed esterni, ovvero rivolti al territorio e alla popolazione circostante, e le necessarie campagne informative per far conoscere alla popolazione i rischi e i comportamenti necessari in casi di incidente.

Una raffineria è esplosa il 1° dicembre a Sannazzaro de' Bugondi, vicino Pavia. Da Milazzo a Taranto, passando per Priolo, afferma ancora, si sono registrati "gravi danni all'ambiente". Il 118 manda un automezzo e un'auto medica di scouting. Fortunatamente l'incidente avvenuto in provincia di Pavia non ha provocato feriti, ma il bilancio dei soccorsi dopo l'incendio avvenuto alla torre Est 2 è di sette persone: due addetti - come riportato da La Provincia Pavese - sono stati soccorsi perché lievemente intossicati, due cittadini si sono sentiti male per lo spavento, mentre tre agricoltori sono stati trasportati al Pronto soccorso di Vigevano con bruciori agli occhi e alla gola, ma nessuno di loro era in condizioni preoccupanti. Non ci sono ad ora ricadute al suolo dei fumi e non risultano segnalazioni di problemi di tipo sanitario per la popolazione. Ore 18.30: ARPA ha eseguito le previsioni meteo per prevedere il percorso della nube e forniranno le informazioni ai comuni coinvolti.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato