Esteri

Siria: fonti,bombardamenti aerei e artiglieria su Aleppo est

Siria: fonti,bombardamenti aerei e artiglieria su Aleppo est”

La sua famiglia aveva lasciato la martoriata città di Aleppo.

Lo riferiscono fonti ad Aleppo ovest contattate dall'ANSA, a conferma di quanto affermato dall'Aleppo Media Center (Amc) e dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). A dirlo è stato Stephen O'Brien, sottosegretario generale delle Nazioni Unite con delega agli affari umanitari e al coordinamento delle emergenze, in un appello al Consiglio di sicurezza dell'Onu riunito in una sessione straordinaria per discutere la situazione nella città siriana. Inoltre Mosca ha proposto all'Onu di creare quattro corridoi umanitari ad Aleppo est. Il documento è al vaglio dei Quindici e non è stato ancora deciso se e quando andrà al voto. Si travestiva da pagliaccio, nell'inferno della Siria, per alleviare i traumi e i drammi dei bambini.

Anas faceva parte dell'associazione "Space for Hope" ("Spazio per la speranza"), che ad Aleppo ha promosso un gran numero di iniziative per i bambini e non solo, mentre fuori si muore ogni giorno da oramai cinque sanguinosissimi anni. Anas si era sposato qualche mese fa ad Aleppo, con la sua giovane moglie, intrappolata come migliaia di persone ancora tra le macerie di Aleppo.

Anas ha continuato a mettere il suo trucco allegro e solare, la sua parrucca aracione ed il suo cappello giallo decorato con fiori, cercando di intrattenere i bambini della città durante i pesanti bombardamenti che hanno colpito e continuano a colpire la città dall'inizio della Guerra Civile in Siria. In particolare, Space for Hope collabora con 12 scuole nella città e fornisce supporto psicologico per oltre 300 bambini che hanno perso un genitore o entrambi.

Anas aveva deciso di rimanere ad Aleppo fino all'ultimo malgrado i suoi genitori avessero deciso di lasciare la città da molto tempo.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato