Scienza

Apple: spunta un nuovo brevetto per iPhone

Apple: spunta un nuovo brevetto per iPhone”

Poche parole ma che racchiudono una verità, cioè quella che ha rivoluzionato il mondo della tecnologia. "Oggi Apple reinventa il telefono". Dove verranno posizionate tutte queste caratteristiche se la lunetta superiore non esisterà più o se diventerà così minimale da essere quasi inesistente?

Spariva la tastiera presente su tutti i telefoni dell'epoca (come l'allora popolare BlackBerry) e per "smanettare" non c'era il pennino - a Steve Jobs non piaceva - ma per la prima volta fu introdotto il "touch" e l'uso delle dita, "il miglior puntatore con cui siamo nati" spiegò Jobs aggiungendo che l'iPhone era cinque anni avanti rispetto a qualsiasi altro telefono cellulare. Anche se non disponeva della connettività 3G, arrivata solo sul modello successivo.

Da quel gennaio 2007 sono cambiate tante cose: iPhone è diventato il prodotto di punta di Apple, il dispositivo che guida gli incassi dell'azienda e porta oltre il 65% degli incassi. Certo, oggi esistono centinaia di modelli che fanno concorrenza allo smartphone della Apple ma il suo stile inconfondibile e le sue app hanno fatto storia, e continuano a dettare legge.

Tra dieci anni, forse, l'iPhone non esisterà più, forse continuerà a rappresentare l'icona di un'intera era, ma nel corso dell'ultima decade l'apporto di elementi innovativi è stato piuttosto lieve se non nell'aspetto estetico, palesando un calo della produzione, tanto che la stessa Apple ha previsto di ridurre del 10% la produzione degli iPhone a partire dal primo trimestre del 2017. "Il meglio deve ancora venire". Non è un caso se, ancora oggi, l'iPhone guida il settore degli smartphone di fascia alta, visto che continua ad offrire qualità, integrazione e facilità di utilizzo.

Infine, Schiller non pensa che Apple realizzerà mai un iPhone 'voice-only', visto che l'interazione con il display rimarrà una parte fondamentale anche nei prossimi anni.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato