Italia

Banche, Padoan: "I colpevoli paghino. Mps verso nuovi vertici"

Banche, Padoan:

Agenpress - "L'iniziativa del Codacons di presentare un esposto alle procure di Roma, Siena, Arezzo, Ferrara, Ancona, Chieti, Vicenza e Treviso affinché si indaghi a fondo sul ruolo e sulle responsabilità dei debitori insolventi che hanno spremuto nel tempo il sistema bancario italiano ha il nostro pieno appoggio", commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, "nella speranza di riuscire a fare chiarezza sui nomi di individui e di società coinvolte". A puntualizzarlo è il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, che oggi ha dato il via al ciclo di audizioni in Senato, previsto per la conversione in legge del decreto "Salva-Risparmio". "In principio - ha detto - penso che la trasparenza sia importante, fa parte della costruzione della fiducia, distrutta dal discredito che a volte si è gettato sull'intero sistema, mettendone a repentaglio la tenuta". UniCredit vara un aumento di capitale, ci sarà la ricapitalizzazione di Mps.

La Commissione europea ne ha sancito la validità, ricordando ai membri dell'Unione europea "che esistono varie soluzioni possibili che possono essere predisposte nel pieno rispetto delle regole europee per rimediare alla carenza di liquidità e di capitale nelle banche".

Il ministro ha anche parlato delle forme di rimborso per la clientela retail coinvolta nell'operazione: "Il decreto - ha spiegato - prevede forme di compensazione per investitori al dettaglio, nel caso di Mps riguardano gli strumenti emessi nel 2008 per 2,2 miliardi di euro", "l'unica emissione" nella quale era "obbligatoria la pubblicazione prospetto". E non è affatto escluso "l'innesco di un circolo virtuoso tra pulizia dei bilanci e ritorno alla crescita" nel sistema bancario, anzi "siamo vicini a un punto di svolta positivo, stiamo voltando pagina".

"Ho detto solo una cosa molto banale - ha sottolineato Padoan - che quando una sera, a mercati chiusi, è arrivata dalla Bce una notifica con due numeri che diceva che i miliardi erano 8,8 invece di 5 senza alcuna spiegazione, questa informazione ha lasciato perplessi tutti quanti e anche il mercato" mentre "in una situazione del genere" questa valutazione "dipendeva da contesti diversi e da un metodo di calcolo che non era pienamente trasparente" mentre la trasparenza è importante". "In alcuni casi la crisi ha messo a nudo comportamenti di amministratori e manager che possono aver violato norme deontologiche e penali".

"Verranno rimborsati circa 190 milioni di euro".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato