Sport

Corini perde le staffe: "Palermo è come Hiroshima"

Corini perde le staffe:

Non mi aspettavo di essere messo in discussione perché ci sono stati miglioramenti.

SU ZAMPARINI - "Voglio parlare da tifoso, da persona che ama il Palermo". Se non si dà respiro a un progetto, è impossibile giudicarlo.

Sassuolo-Palermo sarà l'ennesima partita da dentro o fuori per Eugenio Corini, l'allenatore che Zaparini già vuole sostituire. Non si può dire che in ogni partita si rischia di andare a casa. Lo metto in conto, ma creare una situazione così non porta a niente. Non ha senso. Il mio senso di responsabilità mi ha detto stai qua perché i miei giocatori mi seguono e la gente apprezza i nostri sforzi. "Se non si capisce da dove siamo partiti tutto diventa difficile". È vero, faremo di tutto per fare risultato perché lo meritano i tifosi e i ragazzi. Manca l'empatia con l'ambiente. La dialettica deve essere di costruzione, se non non si va da nessuna parte.

Questo il comunicato integrale del nuovo comitato: "Stasera (ieri sera, ndr), presso lo studio di un noto professionista palermitano, è stato costituito il COMITATO TI.R.R. (tifosi rosanero riuniti) in rappresentanza del Comitato Pro Palermo, Palermo Rosanero Capo e Cuore della Sicilia, Io tifo solo Palermo, Noi Abbonati Sempre, PSSRN (Palermo sia solo rosanero), Palermitani stanchi di Zamparini, che vantano un gran numero di associati". Col presidente ho parlato ieri sera dello sviluppo del mercato, poi c'è uno scambio continuo con Simic. Dopo la partita col Pescara ho fatto presenti delle esigenze, non è arrivato nessuno. "Con la società ssi parla, ma io non faccio trattative e non so i tempi del mercato". Non puoi smettere di credere in un obiettivo con così tante partite. Lo spirito è quello della battaglia. Queste erano le esigenze. Sul piano della prestazione sta facendo bene e sta crescendo.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato