Italia

Duplice omicidio Ferrara, fermato figlio 16enne coppia e amico

Duplice omicidio Ferrara, fermato figlio 16enne coppia e amico”

Svolta nelle indagini sul duplice omicidio del 10 gennaio a Pontelangorino, in provincia di Ferrara, costato la vita a Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45: i Carabinieri, dopo una notte di interrogatori nella caserma di Comacchio, hanno fermato il figlio sedicenne della coppia, Riccardo, e un suo amico che compirà 18 anni a novembre.

Per spiegare ciò che è accaduto gli investigatori considerano che il movente non sia economico, ma dettato dai forti contrasti tra il minorenne e i genitori, anche, forse, per brutti voti a scuola. Proprio per questo sembra che il figlio avesse progettato l'omicidio da qualche tempo. Poi ha chiamato il 16enne perché lo aiutasse a spostare i corpi. Salvatore Vincelli e Nunzia di Gianni sono stati brutalmente uccisi mentre i suoceri, con i quali vivevano erano fuori per le feste, e i loro due figli non erano in casa. Si tratta di un'ascia, rinvenuta, insieme ai vestiti sporchi di sangue dei due adolescenti, in un corso d'acqua a Caprile, frazione adiacente a Pontelangorino. Il ragazzo ha sostenuto di aver dormito a casa di un amico la notte precedente e di essere rimasto lì fino a pranzo, dopodichè è rientrato a casa dove avrebbe trovato i genitori morti. La plastica sarebbe stata usata per non lasciare tracce di sangue durante lo spostamento dei corpi, probabilmente per confondere le acque e inscenare una rapina. Vittime una coppia di ristoratori della zona. Il padre era in garage, la madre in una camera, con ferite al capo e la testa infilata in sacchetti di plastica. Il corpo della madre era in cucina, nelle stesse condizioni dell'uomo. Ai due è stata contestata anche la premeditazione. Il figlio più grande della coppia studia cinema a Torino mentre il figlio sedicenne sarebbe l'autore del duplice delitto.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato