Intrattenimento

Il salto carpiato di Beppe Grillo

Il salto carpiato di Beppe Grillo”

Ho da sempre ammirato il suo lavoro in Italia e gli auguro il meglio.

Per far digerire la svolta che potrebbe portare i 17 europarlamentari nella braccia di Guy Verhofstadt, che nel 2015 è stato bollato sul blog di Grillo come uno degli "impresentabili" europei, Grillo assicura che il M5S lavorerà a costruire una nuova identità europea: il Direct Democracy Movement. Tutto dimenticato, insomma, purché "le persone che si sono comportate male" ne paghino le conseguenze.

Che succede, dunque, in casa M5S?

Ma è un risultato che ai 5 Stelle costa caro.

In mattinata c'era stata una telefonata tra Nigel Farage, leader storico dell'Ukip, e Beppe Grillo, che dopo l'altolà dell'Alde ai 5 Stelle ha ripreso in mano le redini del Movimento a Bruxelles per uscire dall'impasse. Debora Serracchiani, vice segretaria del Pd, dice Da Farage a Alde, da No a Sì euro: Grillo mobilita le folle del web come Benito a Piazza Venezia. Parliamo di fatti concreti: Farage ha già abbandonato la leadership del suo partito e gli eurodeputati inglesi abbandoneranno il Parlamento europeo nella prossima legislatura. Grazie a tutti coloro che ci hanno supportato e sono stati al nostro fianco.

"L'establishment ha deciso di fermare l'ingresso del M5S nel terzo gruppo più grande dell'europarlamento" attaccano i Cinque Stelle che in rete sfogano la loro rabbia anche contro lo stesso Grillo reo di aver provocato con la sua mossa la perdita di elettori. In Europa funziona così: "se fai parte di un gruppo puoi avere una maggiore forza politica". Con l'uscita dei grillini, l'EFDD avrebbe assistito a un calo dei membri a 27 parlamentari, appena due in più rispetto ai requisiti. Questa è probabilmente la condizione più dura da accettare per il M5s, che aveva finora approfittato del sostanziale disinteresse degli eurodeputati dell'Ukip per le normali attività eruoparlamentari, al di fuori di quelle più importanti per affermare la propria posizione antieuropea. Adinolfi ricorda quindi quanto successo quando in Aula si discuteva, lo scorso anno, di unioni civili: "Questo permette ai parlamentari di dire durante il dibattito sul ddl Cirinnà di proporre il matrimonio multiplo, a tre o quattro". Sicuramente il numero dei votanti non rappresenterà il totale dei voti presi alle europee, e con le prossime tornate elettorali si vedrà se l'appoggio al movimento verrà mantenuto tale e quale oppure no. Nigel Farage, in una intervista a Repubblica, commenta la decisione di Beppe Grillo: "Ho il sospetto che, se il Movimento 5 Stelle entrerà a far parte dell'Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l'Europa, il consenso per il parato di Grillo non durerà a lungo", "non sapevamo niente di questo voto indetto da Grillo per decidere con chi allearsi a Strasburgo".

Attualmente i gruppi a Strasburgo sono 8: Ppe (Popolari, 217 deputati), S&D (Socialdemocratici, 189), Ecr (Conservatori, 74), Alde (Liberali, 68), Gue (Sinistra, 52), Verdi (50), Efdd (Euroscettici, 44), ENL (Nazionalisti, 39).



Сomo è

Ultimo




Raccomandato