Esteri

Lega Nord partito razzista? Il gip: dirlo non è diffamazione -2

Lega Nord partito razzista? Il gip: dirlo non è diffamazione -2”

Lo ha stabilito il gip di Milano Maria Vicidomini che ha chiesto l'archiviazione per l'ex ministro e ora europarlamentare del Pd Cécile Kyenge finita sotto accusa per aver reagito ai continui attacchi da parte del Carroccio. Da quel momento quasi ogni giorno gli esponenti della Lega le lanciano insulti palesemente razzisti: Calderoli che dice che è un orango, Borghezio aveva detto che "era utile agli italiani quanto una zanzara in una camera da letto" e così via. I due articoli che hanno spinto Salvini a querelarla, conclude il giudice milanese, vanno dunque "isolatamente e complessivamente considerati" e "rientravano pienamente nell'esercizio del diritto di critica politica" soprattutto perchè "le affermazioni della Kyenge (.) inerivano ad un più complesso discorso (.) relativo alla necessità di monitorare le modalità di attuazione della legge Mancino".

Nell'articolo apparso su Affari italiani la Kyenge aveva scritto: "Sanzionare quei partiti o quei gruppi politici o non politici che si fanno portavoce di discorsi che contengono un contenuto razzista o fascista. Da ciò discende il pieno rispetto dei limiti della critica politica in quanto le forti espressioni utilizzate, lungi dall'essere generiche e risolversi in frasi gratuitamente espressive di sentimenti ostili, erano collegabili allo specifico episodio". "Valori che ripudiano razzismo, fascismo e violenza".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato