Finanza

Modello 730/2017: pubblicata la bozza

Modello 730/2017: pubblicata la bozza”

Attenzione: nelle bozze di istruzioni per la compilazione del modello 730 al momento è indicata solo la scadenza del 7 luglio, ma ricordiamo che in base al decreto fiscale (193/2016, articolo 7-quater, comma 46), da quest'anno si può presentare la dichiarazione fino al 23 luglio senza che questo comporti ritardo.

Arriva sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate la bozza del nuovo 730/2017 con le relative istruzioni.

Modello 730/2017: è online la bozza del modello che, pubblicata dall'Agenzia delle Entrate contestualmente alle relative istruzioni, recepisce le ultime novità in merito a bonus e detrazioni previste. LAVORATORI RIMPATRIATI - Pagheranno meno imposte i lavoratori rimpatriati. Lo comunica l'Agenzia precisando, riguardo alla tassazione agevolata per i dipendenti del settore privato che percepiscono premi di risultato trai 2.000 e i 2.500 euro, che, se i premi di risultato sono percepiti in denaro, si applica un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali pari al 10%; se i premi invece sono percepiti sotto forma di benefit o di rimborso di spese di rilevanza sociale sostenute dal lavoratore, non si applica alcuna imposta.

Per i lavoratori impatriati concorre alla formazione del reddito complessivo soltanto il 70% del reddito di lavoro dipendente prodotto nel nostro Paese. I contribuenti che acquistano un immobile da destinare ad abitazione principale tramite leasing possono beneficiare di una detrazione dall'Irpef del 19% fino a un massimo di 8.000 euro all'anno per i canoni mensili e di 20.000 euro sul prezzo finale di riscatto. "DOPO DI NOI" - Sale a 750 euro l'anno l'importo detraibile per le assicurazioni sulla vita finalizzate a costituire una rendita in favore delle persone con disabilità grave, alla morte dei genitori. Sempre a partire dall'anno d'imposta 2016, è possibile fruire della deduzione del 20% di erogazioni liberali, donazioni e altri atti a titolo gratuito, complessivamente non superiori a 100.000 euro, a favore di trust o fondi speciali che operano nel settore della beneficienza.

Il rigo E58 del modello in bozza riguarda le giovani coppie, che risultino coniugate nell'anno 2016, oppure conviventi di fatto da almeno 3 anni, in cui uno dei due componenti non ha più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale. Il modello, scaricabile dal sito, è corredato di istruzioni ma molte sono le novità introdotte quest'anno: la prima è la possibilità di dedurre dall'imponibile il 65% delle spese sostenute per i dispositivi di controllo da remoto del riscaldamento e/o del condizionamento nell'abitazione o della produzione dell'acqua calda.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato