Italia

Scissione PD news, Delrio fuorionda che conferma Rottura con Renzi

Scissione PD news, Delrio fuorionda che conferma Rottura con Renzi”

Il teatro è pieno e l'organizzazione ha approntato un maxi schermo in piazza Santa Maria Liberatrice. Poi, tra i vari supporti video, uno spezzone di 'Guerre stellari' in cui Yoda spiega a Luke Skywalker: "Devi sentire la forza intorno a te". "Loro" sono il governatore toscano Enrico Rossi, che ha sentito più volte al telefono, e quello pugliese, Michele Emiliano, che la telefonata col segretario l'ha resa nota via Facebook. In prima fila anche Massimo D'Alema e Pier Luigi Bersani. Insomma, non ha fatto sconti, anche se invita a "camminare uniti insieme". In queste ore, infatti, si decide il futuro del Pd con un'assemblea nazionale che potrebbe sancire la scissione del partito a 10 anni dalla sua nascita. "Ci vuole un senso di responsabilita' da parte di tutti, con un' idea fattiva di primarie che metta tutti d'accordo". Sono di sinistra e non sopporto di vedere un livello di desuguaglianza così aberrante. Sarà anche lui di sinistra, ma perdiamo rapporti con un pezzo di Paese. Domando: "chi ci va dai militanti della Festa dell'Unità a spiegare perché si deve rompere il Pd?". All'ultima assemblea due amici storici mi hanno preso a male parole per dirmi 'fai un errore'. Ma la minoranza ha già fatto sapere che è orientata a non entrare nella commissione che dovrà stabilire le regole."Siamo a punto delicato". "Non accetteremo mai, mai, mai e poi mai che qualcuno ci dica 'tu non vai bene, tu nei sei parte di questa comunità". "Un nuovo inizio non come chiusura, ma per offrire un campo largo al centrosinistra". Scusatemi, mi scuso con tutti voi. Il segretario ha alzato un muro, ha detto si va avanti così: conta in 3 mesi, congresso cotto e mangiato, dove non sarà possibile aprire una discussione. C'è una legittima ambizione di chi ambisce alla carica di segretario.

Renzi ha sottolineato i mali attuali del Pd, che da tempo discute ormai più dei guai interni che delle grandi questione politiche: "Fermiamoci, fuori ci prendono per matti". Le condizioni poste dalla minoranza ortodossa per restare sono chiare: congresso in autunno preceduto da conferenza programmatica, sostegno alla legislatura Gentiloni fino al 2018, legge elettorale senza capilista bloccati. Andrea Orlando, l'altro mediatore, sostiene che "il Pd è ancora la scelta giusta". L'apertura di Emiliano è però durata poco perchè nel giro di un paio d'ore è arrivata una dichiarazione congiunta dello stesso Emiliano e di altri due esponenti della minoranza (Rossi e Speranza) che imputano a Renzi di volere la scissione per non avare concesso nulla.

Ho fiducia nel segretario. Non potete chiedere a chi si dimette per fare il congresso di non candidarsi perché solo così si evita la scissione.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato