Esteri

Donald Trump vuole licenziare il procuratore del Russiagate. Muro dei repubblicani

Donald Trump vuole licenziare il procuratore del Russiagate. Muro dei repubblicani”

Una mossa potenzialmente esplosiva dunque, dalle conseguenze inimmaginabili e che avvicinerebbe sempre più il Russiagate al Watergate.

Potrebbe aver approfittato del suo ruolo istituzionale, quale presidente degli Stati Uniti d'America, non avendo separato la sua attività privata da quella di presidente, come aveva invece promesso affidando i suoi beni ad un trust gestito dai figli. Se il tribunale federale accoglierà la richiesta dei procuratori Karl Racine (Distretto di Columbia) e Brian Frosh (Maryland) questi chiederanno subito di poter visionare la dichiarazione delle tasse di Trump, che l'immobiliarista diventato presidente non ha mai voluto svelare.

Ora il presidente può scrivere sul suo curriculum politico anche una citazione in giudizio da parte di rappresentanti della pubblica accusa; a gennaio era stata una Ong che si interessa di questioni etiche ad accusare Trump, ma l'iniziativa della due procure è la prima del genere. "Non c'è alcuna ragione di licenziare Mueller" ha tuonato il senatore repubblicano Lindsey Graham. Anche per lo speaker della Camera Paul Ryan il presidente deve lasciare che il procuratore speciale prosegua serenamente nel suo lavoro investigativo.

Ispirato dal celebre tweet "Covfefe" di Trump, poi cancellato, la proposta mirerebbe a rendere ufficiali le dichiarazioni via social del presidente, in modo che abbiano rilevanza giuridica e non possano essere rimosse con un semplice clic, venendo quindi registrate.

9 su 10 da parte di 34 recensori Russiagate. Secondo i media locali, Donald Trump starebbe considerando il licenziamento di Robert Mueller, il procuratore speciale per il Russiagate. "Il licenziamento di Mueller sarebbe un disastro". I legislatori stanno cercando di aggiungere le sanzioni alla Russia all'attuale legislazione del Senato che prevede un analogo provvedimento contro l'Iran. Le sanzioni dovrebbero inoltre colpire i responsabili di cybercrimini per conto del governo di Mosca.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato