Italia

Inchiesta Consip, legale Woodcock: è sereno e pronto a spiegare

Inchiesta Consip, legale Woodcock: è sereno e pronto a spiegare”

L'ultimo capo di imputazione, la rivelazione del segreto d'ufficio, è invece da collegare alle informazioni sulle indagini che l'ufficiale è accusato di aver fornito a due ex colleghi del Noe passati all'Aisi, l'Agenzia per le informazioni e la sicurezza interna.

Henry John Woodcock, magistrato di Napoli che ha aperto l'indagine CONSIP e ne segue alcuni filoni, è indagato dalla procura di Roma per rivelazione di segreti d'ufficio. Secondo la Procura di Roma, Woodcock fu tra gli artefici della fuga di notizie, nel dicembre scorso, in merito alle indagini a carico del ministro dello Sport Luca Lotti, del comandante generale dell'Arma Tullio Del Sette e del comandante dei carabinieri della Legione Toscana, Emanuele Saltalamacchi. Per questo il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Mario Palazzi hanno deciso di iscriverlo per violazione del segreto e hanno dato comunicazione al ministero della Giustizia, al Consiglio Superiore (che già aveva aperto un fascicolo sul suo operato) e alla procura generale presso la Corte di Cassazione. "Ho assoluta fiducia nei colleghi della procura di Roma e sono quindi certo che potrò chiarire la mia posizione, fugando ogni dubbio ed ombra sulla mia correttezza professionale e personale", ha dichiarato lo stesso Woodcock ai microfoni dell'agenzia Ansa. Ma è il sei ottobre che il quotidiano "La Verità" pubblica la notizia a che il papà dell'ex premier, Tiziano Renzi teme di essere arrestato nell'ambito di una inchiesta del Pm napoletano Woodcock.

Insieme al pubblico ministero partenopeo è stata iscritta al registro degli indagati la giornalista Federica Sciarelli, conduttrice di "Chi l'ha visto?".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato