Esteri

Milan, Fassone: "Decisione per business più di Raiola che di Donnarumma"

Milan, Fassone:

Così Fassone risponde alle accuse di Raiola sul caso Donnarumma: "Non penso che noi abbiamo perso il giocatore, ci sono stati due mesi in cui il Milan ha tentato in tutti i modi di convincere il giocatore e il suo agente di rimanere con noi, per percorrere insieme una strada che ci auspichiamo sia bella per il Milan". Se qualcuno è andato oltre non solo mi dissocio ma condanno fortemente, così come tutti i tifosi del Milan. È così che ha cominciato a girare sui social il sarcastico soprannome "Dollarumma'', soffermandosi sul grande amore del giocatore verso il denaro (cosa che ha comunque negato). Chi lo sa, credo che le possibilità siano poche ma mai dire mai" Urge però un'alternativa per la porta: "Il ritiro inizia il 3 luglio, non vorrei avere in rosa giocatori a scadenza e con la testa da un'altra parte e quindi dobbiamo intervenire sul mercato per offrire a Montella una squadra completa tra cui anche un portiere potenzialmente titolare senza problemi di natura psicologica".

Donnarumma, il Milan non si arrende - Un colpo di scena davvero clamoroso, perché la vicenda Donnarumma potrebbe clamorosamente riaprirsi a 'favore' del club rossonero. "Per questo sarà un anno di particolari tensioni, perché ognuno dei due soggetti potrebbe incorrere in un incidente di percorso, in un'intervista fuori luogo, in un attacco indebito alla società, e viceversa la società potrebbe non corrispondere a pieno a quelli che sono i suoi obblighi nei confronti del giocatore", ha aggiunto il legale.

La decisione di non rinnovare il contratto in seguito a quel meeting decisivo non è passata inosservata, anzi ha attratto le critiche dei tifosi che si sono sentiti traditi da tale comportamento. "Questa sarà importante per il futuro e per affrontare al meglio il prossimo campionato". Mirabelli è un manager di alto livello che non scende a compromessi e che fa tutto nell'interesse del Milan, sono vicino a lui e questo tentativo di dividere il Milan mi sento di respingerlo.

Il progetto di Fassone e Mirabelli è sembrato sin da subito molto chiaro: dimostrare compattezza, capacità economica e competenza per far si che si inizi a dar credito al Milan e permetter così al presidente Li Yonghong di trasmettere fiducia. In questo momento Mirabelli sta valutando una lista ampia di portieri.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato