Esteri

Omicidio Varani: Marco Prato suicida in carcere. Tutta la vicenda

Omicidio Varani: Marco Prato suicida in carcere. Tutta la vicenda”

Velletri - Si è tolto la vita nel carcere di Velletri Marco Prato, l'uomo accusato di aver ucciso nel 2016 Luca Varani, il ragazzo morto durante un festino avvenuto a Roma. Secondo una prima ricostruzione, e le notizie che arrivano su questa vicenda, Marco si sarebbe suicidato nel carcere, sarebbe andato in bagno, avrebbe preso un sacchetto di plastica e respirato del gas dalla bombola che è in dotazione per i detenuti. Il suo compagno di cella non si sarebbe accorto di nulla, perché stava dormendo.

Domani Marco Prato era atteso per l'udienza di fronte al giudice.

Prato avrebbe lasciato una lettera in cui spiega di essersi suicidato per le "menzogne dette su di lui" e "l'attenzione mediatica" che ha subito. Foffo e Prato per circa due ore si accanirono sul corpo di Luca dopo averlo stordito con un mix di alcol e un farmaco. Prato era in attesa dell'inizio del processo per la morte di Luca Varani con rito ordinario: Foffo invece era stato condannato con rito abbreviato a 30 anni. Durante la detenzione il pr romano aveva scoperto di essere sieropositivo.

Prato e Foffo, infatti, prima di contattare Varani si erano messi in macchina e avevano girato le vie di Roma con l'intento preciso di trovare qualcuno da uccidere.

I due assassini avevano entrambi fatto uso di sostanze stupefacenti e di alcool nei giorni precedenti l'accaduto e Foffo, dopo l'omicidio, aveva chiamato suo padre raccontandogli quello che aveva fatto. I due avevano ucciso la vittima dopo una serata a base di alcol e droga: il 23enne era stato drogato e poi seviziato.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato