Italia

Omicidio Varani. Si è suicidato in carcere Marco Prato

Omicidio Varani. Si è suicidato in carcere Marco Prato”

Si è suicidato la notte scorsa nel carcere di Velletri Marco Prato, il pr di 30 anni accusato di aver ammazzato Luca Varani insieme a Manuel Foffo durante un festino a base di alcol e droga. È stato trovato durante il giro di ispezione con un sacchetto di plastica in testa: sarebbe morto soffocato. Prato, a differenza del coimputato, aveva scelto il rito ordinario. Il ragazzo era in carcere assieme a Manuel Foffo per l'omicidio di Luca Varani. Manuel Foffo esercitava un indubbio fascino nei suoi confronti e Marco ammette la sua condiscendenza e di non essere riuscito a sottrarsi a quel giogo. Domani, per Prato, avrebbe dovuto tenersi l'udienza del processo. "Io trascorro tutta la giornata sdraiato su una branda". Sulle armi utilizzate per il sadico gioco divenuto poi omicidio, sono state ritrovate tracce biologiche sia di Foffo che di Prato.

A lasciare esterrefatti non è stato soltanto la crudezza del gesto, ma anche le motivazioni: Foffo, infatti, - che aveva ammesso la loro colpevolezza - aveva dichiarato che il motivo del gesto era il voler "uccidere qualcuno, volevamo vedere l'effetto che fa".

Foffo scelse di farsi giudicare con il rito abbreviato, che prevede uno sconto di un terzo della pena. Prato invece ha detto ai pm di non aver partecipato al delitto: "Non sono stato io a colpirlo con il martello e con i coltelli". In tutto il tempo nel quale era rimasto in prigione ha continuato a dichiararsi innocente, dicendo di aver agito solamente perché succube di Foffo.

Prato avrebbe lasciato una lettera in cui spiega di essersi suicidato per le "menzogne dette su di lui" e "l'attenzione mediatica" che ha subito.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato