Sport

Tour, il cuore non basta: Aru giù dal podio

Tour, il cuore non basta: Aru giù dal podio”

La prima tappa alpina del Tour de France partita da La Mure e terminata a Serre Chevalier è stata elettrizzante. Il gruppo ha affrontato prima il Col d'Ornon, poi l'interminabile Croix de Fer e infine lo storico Galibier, che con i suoi 2462 metri è tornato al Tour dopo sei anni e ha subito fatto la sua prima vittima: Fabio Aru.

Il primo tappone alpino della centoquattresima edizione del Tour de France regala emozioni sin dai primi chilometri. "In classifica generale resta sempre al comando Froome, ma ora in seconda posizione, a 27 secondi, si trovano sia Bardet sia Uran; mentre scende in quarta posizione Aru, che ora deve recuperare 53" dal britannico della Sky. L'unico a pagare veramente è stato il campione d'Italia che è tornato sotto due volte e alla terza ha dovuto mollare cercando di contenere i danni. "La corsa comunque non è finita, ho perso dai miei rivali più diretti ma non è ancora tutto perduto". In realtà per 120 km non succederà nulla, ma nel finale sono previsti il Col du Vars, GPM di 1^ categoria (9,3 chilometri con una pendenza media del 7.5%) e soprattutto l'Izoard che nella storia ha spesso sorriso agli italiani.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato