Esteri

Consip: un'altra accusa per Scafarto Che intanto è promosso maggiore

Consip: un'altra accusa per Scafarto Che intanto è promosso maggiore”

Scafarto è sotto inchiesta per falso e per una rivelazione di segreto d'ufficio commessa inviando via mail pezzi di informativa a ex carabinieri del Noe poi passati nei servizi segreti.

Scafarto, nonostante il coinvolgimento nell'inchiesta Consip, di recente è stato promosso da capitano a maggiore. "Renzi l'ultima volta che l'ho incontrato". Nella telefonata del 27 settembre scorso - intercettata dal Noe - Romeo e Bocchino invece non parlano del generale Ferragina, bensì di De Pasquale, un faccendiere vicino a Romeo. Nelle prossime settimane i pm romani potrebbero invece chiedere l'archiviazione per la posizione del colonnello Alessandro Sessa, a cui invece è contestato il reato di depistaggio.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato