Esteri

Palermo, Tedino: "Il Foggia gioca bene, sarà una partita difficilissima"

Palermo, Tedino:

Foggia e Palermo si sfidano per la 4^ giornata del campionato di Serie B in un incontro per il quale è stato designato il signor Daniele Chiffi, della sezione arbitrale di Padova. Con in più, se volete, il brillante pareggio col Cagliari in Coppa, con eliminazione giunta solo ai rigori. Tedino ricorda come il Foggia venga da una promozione conquistata con un gran calcio e vanti, sul proprio terreno, una imbattibilità che dura pressapoco dallo stesso periodo (6 dicembre, sconfitta per 3-2 dal Fondi, successivamente 10 vittorie e il pareggio con l'Entella).

Parlando dei possibili bomber in vista di Foggia-Palermo, fra i padroni di casa il campionato di Serie B sicuramente non è iniziato benissimo, con appena tre gol all'attivo, che diventano pochissimi se ne subisci invece ben 11. SPIEGAZIONE DELLA CONFERMA. Tedino risponde con calma agli appunti relativi a Posavec: "A me non piace perdere, non sono influenzato da nessuno, compresa la proprietà". Il mio concetto è che non si perde mai per colpa di un portiere, gioca sempre una squadra. Se mi accorgessi che qualcuno non porta benefici al Palermo, non lo farei giocare. È una squadra che è stata creata da De Zerbi. "I compagni hanno la convinzione di avere un portiere forte, fermo restando che Pomini alle spalle l'ho voluto io, è una sicurezza così com'è bravo Maniero".

Qui Palermo. Dopo aver provato il 3-5-2 con l'Empoli difficilmente Tedino rinuncerà al ritorno al tridente ed al 3-4-1-2 con l'utilizzo contemporaneamente di Coronado, Nestorovski e Trajkovski. Adesso dobbiamo consolidarci, lavorando nel dettaglio con più continuità. "Ci manca la continuità di rendimento che sia a lungo termine, sapere che nella partita ci sono tanti momenti ossia quelli in cui devi soffrire e quelli in cui devi gestire la palla e attaccare". "Voglio schierare giocatori di talento e qualità, che però vanno incastrati in un disegno tattico". Tutti saranno pronti per dare ancora di piu'. Da dietro ha il 96.3% di gioco, non la buttano mai via, e il loro calcio è irritante per via del loro possesso. "In C era quasi impossibile da battere, ora viene da una brutta partenza ma ha spirito di rivalsa e questo rende la partita difficile per noi". Questo quanto riportato da "Il Corriere dello Sport".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato