Esteri

Processo Aemilia, confermata la condanna per Gerrini

Processo Aemilia, confermata la condanna per Gerrini”

Pagliani era stato assolto dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, ma i pm della Dda, Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, aveva fatto appello e i giudici della terza sezione penale hanno riformato la sentenza.

Il consigliere comunale di Forza Italia a Reggio Emilia, noto avvocato di Arceto (Scandiano) era stato assolto in primo grado. Alla condanna a 4 anni è stata aggiunta, a pena espiata, la libertà vigilanza per un anno e l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. Conferma, invece, del proscioglimento per prescrizione della corruzione elettorale per l'altro politico coinvolto, l'ex assessore Pdl di Parma, Giovanni Paolo Bernini: anche per lui la Procura aveva impugnato.

La condanna è giunta all'esito dell'appello per 60 imputati che hanno scelto il rito abbreviato nel processo di 'Ndrangheta Aemilia, concluso a Bologna.

LA DIFESA DI PAGLIANI - "Rimango esterrefatto e profondamente deluso da una decisione che ritengo folle, un accanimento personale del quale a memoria non vi sono precedenti nella nostra Regione. - afferma Pagliani in una nota -".

Confermate anche la condanna a 15 anni per Nicolino Sarcone, considerato uno dei boss della cosca che per l'accusa ha come punto di riferimento la 'ndrina Grande Aracri, quella a 14 anni e due mesi per associazione mafiosa ad Alfonso Diletto, e quella a sei anni e otto mesi per Nicolino Grande Aracri, che però in questa tranche del processo non era accusato di associazione mafiosa. "Continuerò la mia battaglia con rinnovata forza e convinto della mia totale estraneità, certo che questo incredibile errore giudiziario venga riparato in Corte di Cassazione".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato