Finanza

Bruxelles impone pagamento di 250 milioni di tasse ad Amazon

Bruxelles impone pagamento di 250 milioni di tasse ad Amazon”

L'indagine non mette nemmeno in discussione il regime fiscale generale del Lussemburgo in quanto tale.

(Teleborsa) - Ammontano a 250 milioni di euro le agevolazioni fiscali illegittime da parte del Lussemburgo a favore di Amazon identificate dall'Antitrust europeo. Le autorita' fiscali del Lussemburgo devono ora determinare l'importo preciso delle imposte non pagate in Lussemburgo sulla base della metodologia definita dalla decisione. Il Lussemburgo ha quindi permesso al colosso di Seattle di pagare "quattro volte in meno di tasse rispetto a qualsiasi altra azienda che ha sede nel Paese", per cui questo tipo di atteggiamento benevolo si inquadra come una condotta assolutamente illegale. In base alle indagini avviate tre anni, Amazon avrebbe tratto vantaggi da un accordo fiscale siglato illegittimanente con il Lussemburgo. Insomma, "tre quarti dei suoi profitti non sono stati tassati" grazie a un accordo fiscale stretto nel 2003. Il che è un comportamento "illegale perché ha consentito all'azienda di pagare molte meno tasse di altre".

In particolare, il tax ruling ha appoggiato il pagamento di una royalty da Amazon EU ad Amazon Europe Holding Technologies, che ha significativamente ridotto i profitti tassabili. Il recupero di 250 milioni di tasse richiesto dalla Commissione europea, sottolinea il Lussemburgo, "si riferisce a un periodo che risale al 2006" quando "nel corso del tempo il quadro legale internazionale e lussemburghese è evoluto in modo sostanziale". Come nel caso del gruppo guidato da Tim Cook, che definì la decisione di Bruxelles una "cavolata politica", l'ultima mossa Ue rischia di fare salire la tensione con Washington in un momento in cui in Usa si lavora a una riforma fiscale pensata anche per favorire il rimpatrio di miliardi di dollari parcheggiati all'estero dalle multinazionali americane.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato