Finanza

Netflix in vetta al Nasdaq dopo rincaro degli abbonamenti

Netflix in vetta al Nasdaq dopo rincaro degli abbonamenti”

Netflix sembra, quindi, seguire la scia di Sky, che da ottobre ha rimodulato il periodo di fatturazione a 4 settimane facendo aumentare il costo dell'abbonamento dell'8,6% all'anno. L'aumento sarebbe contenuto ed avrebbe validità dal prossimo mese di novembre.

A subire i rincari sono i piani Standard e Premium, che passeranno rispettivamente a 11,99€ e 13,99€. Invariata la tariffa Basic, di 7,99€, che permette di utilizzare lo streaming su un device.

L'abbonamento che consente di effettuare lo streaming in alta definizione su due diversi dispositivi costerà 10,99 Euro, un Euro in più rispetto ai precedenti 9,99 Euro, mentre quello "familiare", che permette di visualizzare i contenuti in contemporanea su quattro supporti in HD, passa dai precedenti 11,99 Euro a 13,99 Euro. Tuttavia, sono poi arrivate segnalazioni anche dall'Inghilterra, dall'Olanda, dalla Francia e dalla Germania.

La nuova tariffazione sarà in vigore dal 9 ottobre, e riguarderà tutti sia i nuovi che gli attuali abbonati. "Di tanto in tanto i piani e i prezzi di Netflix subiscono aggiustamenti" spiega l'azienda in una nota.

Netflix ha voluto giustificare gli aumenti sottolineando che di tanto in tanto aggiusta il suo listino per poter inserire nuovi show televisivi, introdurre nuove funzionalità e migliorare l'esperienza di visione. Effettivamente, in questo settore il colosso della TV su Internet sta investendo molti soldi. L'aumento arriva insieme a un'accelerata degli investimenti in contenuti, previsti a 7 miliardi di dollari nel 2018 da 6 miliardi di quest'anno e 5 miliardi del 2016.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato