Finanza

Chiude la Honeywell di Atessa: l'annuncio della multinazionale

Chiude la Honeywell di Atessa: l'annuncio della multinazionale”

Di questa brutta storia resta la grande solidarietà testimoniata da un intero territorio che sin dai primi giorni si è stretto attorno a quanti, col proprio lavoro, hanno fatto dello stabilimento Honeywell di Atessa un modello da imitare e, purtroppo, da esportare altrove. I sindacati hanno comunicato la fumata nera ai lavoratori -in sciopero da settimane- attraverso un SMS.

"Questa conclusione drammatica della vertenza - si legge nel documento firmato da altri 28 parlamentari - rappresenta un duro colpo non solo per i 420 lavoratori e le loro famiglie, ma per la economia della provincia di Chieti e della Regione Abruzzo con una caduta brusca dell'occupazione, del reddito e dei consumi". Il mio primo pensiero va ai lavoratori e alle loro famiglie. I sindacati, la Regione Abruzzo e il Governo Italiano devono a questo punto concordare una strategia per contrastare questa scelta di delocalizzazione della Honeywell che negli anni passati ha avuto dallo Stato italiano tanti incentivi e aiuti. Non si può non restare indignati da questa testimonianza di egoismo e ingratitudine imprenditoriale.

La direzione aziendale dello stabilimento ha comunicato ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali la decisione di interrompere le attività del sito industriale che produce turbo diesel e dove sono impiegati 420 lavoratori. E' quanto dichiara il segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli chiedendo "un immediato intervento del governo e l'apertura di un tavolo di confronto presso il Mise". "È un epilogo inaccettabile in un quadro in cui peraltro lo stabilimento aveva sempre raggiunto elevati standard di produttività e le istituzioni italiane avevano dimostrato disponibilità a sostenere con investimenti il rilancio produttivo del sito".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato