Esteri

Falso cieco beccato dalla finanza a giocare a carte

Falso cieco beccato dalla finanza a giocare a carte”

Per cinque hanno ha percepito la pensione per la sua condizione di "cecità assoluta", ma era tutto falso. Con queste accuse i militari della Guardia di Finanza di Casal Velino hanno denunciato un falso invalido del comune di Ascea, P.F., 35 anni, che dal 2012 ha ricevuto un'indennità di accompagnamento per oltre 60mila euro. E così grazie agli accertamenti effettuati attraverso alcuni pedinamenti, appostamenti e videoriprese, i finanzieri hanno accertato che il 35enne svolgeva una vita assolutamente normale, come accompagnare il figlio, a piedi e senza alcun aiuto, a prendere l'autobus scolastico, fare da solo la spesa aiutando anche altre persone a portare le buste della spesa vicino alle loro auto, o giocava a carte.

Per accertare che si trattasse di un falso invalido l'uomo è stato pedinato e seguito.

Proprio nello svolgimento di una di queste attività, mentre firmava un verbale di acquisto, in chiaro contrasto con il suo dichiarato stato di invalidità di cecità assoluta, il falso cieco è stato fermato.

Ascea (Salerno). Falso cieco scoperto dalla Finanza, dovra' restituire 60mila euro

Le indagini delle fiamme gialle sono state avviate sotto la spinta della procura di Vallo della Lucania.

Per P.F. è stato ipotizzato il reato di truffa aggravata e la procura ha emesso un provvedimento cautelare di recupero della somma indebitamente percepita.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato