Sport

Italia-Svezia, Maldini: "Inimmaginabile non andare al Mondiale"

Italia-Svezia, Maldini:

"Sono teso per la gara di stasera perché non oso immaginare una Mondiale senza Italia, anche perché sono stato capitano della Nazionale per tanti anni". A parlare, in vista della gara di ritorno del play-off mondiale tra Italia e Svezia di questa sera al 'Meazza', e' uno delle bandiere del calcio tricolore come Paolo Maldini. "Sono occasioni in cui non bisogna dire molto, tutti sanno cosa devono fare", ha spiegato in un'intervista a Sky Sport.

Su un suo eventuale futuro in FIGC:"C'era stata una chiacchierata amichevole con la Federazione, ma non se n'è fatto niente". Io quindi non ho dato nessuna risposta, positiva o negativa.

SAN SIRO - "A volte San Siro può darti qualcosa in più ma può essere un nemico. Questa però è una di quelle partite che avrei voluto giocare". E San Siro può essere un pericolo: ho avuto tanti compagni che avevano timore di giocare in questo stadio. Un pronostico? L'Italia deve passare e farà di tutto per passare.

Futuro alla Nazionale? Per ora non c'è nulla, ma nel futuro...

SU ITALIA-SVEZIA - "La Spagna era obiettivamente superiore a noi, c'era già la possibilità concreta di fare lo spareggio prima dell'inizio del girone". Tutti si chiedono perchè non sono nel mondo del calcio ma è una scelta mia, ho sempre interpretato la vita in maniera più ampia dal calcio, dove potrei tornare se ci fossero le condizioni ideali. In Svezia non è stata una bella partita, l'Italia era molto superiore ma non siamo stati capaci a controbattere le loro forze, la tattica rigida e la fisicità. Mi aspetto un'Italia diversa stasera. Io mi son trovato in una situazione simile nel '97, poi abbiamo fatto lo spareggio con la Russia. "Nel caso le cose andassero male, ma non ci voglio pensare, ci saranno altre domande da porsi, come ad esempio quale sarà il futuro di questo movimento e se queste siano le persone giuste".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato