Esteri

Reddito sociale, tutte le info

Reddito sociale, tutte le info”

È necessario presentare domanda presso il Comune o gli enti incaricati, compilando il modello allegato alla circolare. E' al vaglio dell'Amministrazione la possibilità che le domande possano essere presentate anche presso i CAAF, senza costi per l'utenza.

Il Reddito di Inclusione è una misura messa in atto dal Governo per i nuclei familiari in difficoltà economica e consiste in un contributo economico mensile e l'inserimento dei partecipanti a un progetto di reinserimento sociale e nel mondo del lavoro.

Per questi, sono programmati incontri della durata minima di 25 minuti per ciascuna famiglia.

"Sarebbe opportuno - proseguono Soldini e Bagnoli - attivare immediatamente un tavolo di coordinamento tra il Ministero del Lavoro, l'Inps, l'Anci e la Consulta dei Caf in modo da assicurare, nell'immediato e per il futuro, una puntuale e capillare assistenza a tutti coloro che versano in una condizione di grave disagio economico e sociale affinché nessuno che ne ha o che ne avrà diritto, resti escluso da questo sostegno".

E sul punto, il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Stefano Palumbo, ha rivendicato come lo strumento si inserisca "in un contesto più che favorevole, considerato che la passata amministrazione comunale di centrosinistra aveva già predisposto, nel piano d'ambito, un provvedimento di contrasto alla povertà investendo circa 1 milione di euro".

L'importo, per chi non riceve ulteriori trattamenti, sarà di circa 190 euro per i nuclei composti da una sola persona e andrà a crescere gradualmente all'aumento del numero dei componenti della famiglia, fino a un massimo di quasi 485,40 euro al mese per un nucleo con 5 o più componenti.

Potranno accedere al Rei le famiglie con valore ISEE non superiore ai 6mila euro, indicatore ISRE non superiore ai 3mila euro, patrimonio immobiliare, esclusa la prima casa, non superiore ai 20mila euro e un patrimonio mobiliare non superiore a 10mila euro. Fino a luglio 2018 infatti gli aventi diritto saranno famiglie con almeno un minore o un figlio adulto disabile, o una persona in stato di gravidanza, oppure con una persona di almeno 55 anni disoccupata, poi da luglio 2018 tutti questi requisiti categoriali vengano meno e il ReI diventerà una misura universale, aperta a tutte le famiglie in grave povertà.

L'erogazione dell'importo viene caricato sulla carta Rei, strumento con il quale sarà possibile acquistare una serie di beni. Metà dell'assegno potrà essere prelevato in forma di contante, e l'altra metà speso in negozi convenzionati.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato