Finanza

Alitalia, il ministro Calenda: "Ci sono tre offerte"

Alitalia, il ministro Calenda:

Cessione Alitalia, l'obiettivo del governo è quello di arrivare entro fine gennaio a definire chi sarà il pretendente tra i tre in corsa, (Lufthansa, EasyJet e il fondo americano Cerberus) con cui trattare in esclusiva.

Il ministro Carlo Calenda svela, a 'Circo Massimo' su Radio Capital, che per Alitalia è stata presentata più di una offerta. "Non ho preferenza - ha detto - per me la questione si basa sui numeri". Cerberus, che ha nel curriculum un altro salvataggio di compagnie in crisi, quello di Air Canada nel 2004, sarebbe pronto a versare tra i 100 e i 400 milioni per il controllo della compagnia italiana. Il Sole mette in luce che, se pur si tratti di un obiettivo realizzabile in via teorica, potrebbe incorrere in problematiche di natura politica, in quanto ognuna delle tre possibilità sul piatto, comporterebbe dei tagli all'organico e il discorso esuberi avrebbe un impatto sulla campagna elettorale.

"Abbiamo fatto un prestito ponte che nell'insieme vale 900milioni e che per fortuna in questo momento è intonso perché i commissari hanno lavorato bene, hanno tagliato molti costi, e quindi la situazione è stabile", ha sintetizzato il ministro. "Abbiamo bisogno che questa storia di Alitalia trovi una conclusione", ha puntualizzato Calenda. "Si continua a parlare delle cifre relative alla vendita, ma come sindacato chiediamo, indipendentemente da chi sarà l'acquirente, un piano industriale di sviluppo ed il mantenimento dei livelli occupazionali e retributivi in Alitalia e nell'indotto aeroportuale".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato