Esteri

Poveri dimenticati e la protesta di Biagio Conte, Musumeci: lo incontrerò presto

Poveri dimenticati e la protesta di Biagio Conte, Musumeci: lo incontrerò presto”

Per questo, il missionario laico Biagio Conte ha deciso di dormire sotto i portici delle Poste centrali di via Roma a Palermo. "Appena svegliati alla Missione non abbiamo trovato fratel Biagio". "Vivo un profondo disagio: non riesco a essere tranquillo, non dormo e non riesco nemmeno a mangiare, sapendo che ancora ad oggi tante persone vivono per strada".

Qualche ora dopo abbiamo sentito che ha dormito per strada: "Non riesco ancora ad accettare che ci possano essere tanti ancora che vivono queste profonde sofferenze nella loro vita dovuti principalmente all'indifferenza e che continuano a vivere e morire per strada". Musumeci: "Ci richiama alle nostre responsabilità" "Il numero delle famiglie senza casa aumenta e le risposte di sostegno al reddito e di una soluzione abitativa per le persone in difficoltà sono insufficienti - ha detto Alessia Gatto, della segreteria Cgil Palermo, parlando con Biagio Conte - è impossibile non levare un grido di disperazione nel momento in cui si perde il lavoro, si perde la casa e la speranza di riscattarsi". Tante famiglie sono sotto sfratto e non hanno una casa. "La forte indifferenza e il profondo egoismo ancora oggi è molto diffuso e mi inducono a rispondere al male con bene", afferma. Per queste ingiustizie mi abbandono anche io per strada per solidarizzare con chi è morto per strada, per chi ancora dorme per strada.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato