Finanza

Scuola, sciopero degli insegnanti precari in tutta Italia Video

Scuola, sciopero degli insegnanti precari in tutta Italia Video”

Cronaca - Scuole, sciopero maestre. Forse perché, pur senza divisioni, l'agitazione con tanto di manifestazione a Roma era stata indetta 'soltanto' dalle organizzazioni sindacali Anief, Saese e Cub mentre CGIL, Cisl e Uil scuola avevano scelto la via del tavolo istituzionale tradotto in incontri che hanno chiuso la settimana scorsa all'Ufficio scolastico regionale e al Ministero.

In un'intervista Sky Tg24, il ministro ha ricordato di aver chiesto all'Avvocatura Generale dello Stato "di darci le linee attuative. Da allora molti diplomati magistrali hanno presentato ricorso, l'hanno vinto e sono riusciti a entrare nelle graduatorie a esaurimento", ricorda l'Agi nel suo focus sullo sciopero di domani.

Una vicenda complessa dal punto di vista giudiziario che, se da una parte non metterà a repentaglio la continuità didattica dell'anno in corso, penalizzerà senz'altro i bambini e la scuola a partire dal mese di settembre, quando quei docenti (oggi di ruolo) saranno declassati alla seconda fascia della graduatoria di istituto senza alcuna certezza di riprendere le loro classi. Le abilitazioni ottenute entro il 2011 devono essere incluse all'interno delle graduatorie, questo è ciò che si vuole ottenere. Bisogna riaprire subito le Gae e permettere l'incontro tra domanda e offerta, per non permettere la moltiplicazione di quei corsi e ricorsi che la stessa ministra Valeria Fedeli invita a evitare. Impossibile, d'altra parte, prevedere la presenza dei docenti che non sono tenuti a comunicare in anticipo alle segreterie le proprie intenzioni. Oggi in tutta Italia scioperano i docenti per protesta contro quella che definiscono la "vergognosa" sentenza del Consiglio di Stato sui diplomati magistrali. "Come abbiamo detto a tutti i sindacati, - ha sottolineato - appena arrivano le risposte dell'Avvocatura generale dello Stato immediatamente convochiamo le parti e troveremo le soluzioni e gli strumenti più idonei". Dai quali è emersa la pur temporanea rassicurazione che gli insegnanti con solo il diploma magistrale coinvolti dal pronunciamento del Consiglio di Stato, (157 quelli di ruolo e circa 600 quelli non di ruolo nella sola provincia di Modena), avrebbero potuto continuare a lavorare per tutto l'anno. Intanto la dirigente ricorda gli open day dell'ISC "San Filippo" che si terranno il 16-17-18 gennaio prossimi.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato