Esteri

Sempre più piemontesi costretti a letto dall'influenza

Sempre più piemontesi costretti a letto dall'influenza”

L'epidemia influenzale di quest'anno è tra le più aggressive degli ultimi 15 anni, e a confermarlo sono i numeri.

L'inverno e' stato finora mite, eppure l'influenza di quest'anno e' particolarmente cattiva: ha gia' messo a letto tre milioni di persone, 800mila soltanto nell'ultima settimana. Ricciardi precisa poi che "normalmente le morti si registrano nelle fasce più fragili come i malati cronici o di età avanzata, però ultimamente abbiamo avuto anche casi fra persone più giovani".

In Italia, dunque, così come nel resto d'Europa, "la stagione influenzale in corso presenta effettivamente una diffusione maggiore rispetto a quelle passate: i dati Influnet mostrano che alla prima settimana del 2018 il livello dell'incidenza è paragonabile a quello osservato nelle stagioni 2004-05 e 2009-10, anni in cui si sono osservati i picchi epidemici più elevati".

Fondamentale - sottolinea la Coldiretti - è assumere verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente) perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull'organismo.

Il numero di casi è in diminuzione nella fascia pediatrica da 0 a 14 anni, con un'incidenza settimanale di 22 casi per 1.000 assistiti.

Anche se rari, ci sono stati episodi di ricoveri in terapia intensiva, per la precisione 170 pazienti di cui 30 deceduti. Nel 48,6% dei casi gravi è stato isolato il virus A/H1N1pdm09 e nel 40,0% il virus B. A delineare all'AGI questo scenario e' Silvestro Scotti, il segretario nazionale della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg), che ha lanciato un allarme: dal 2 al 4 gennaio in tutti gli ambulatori italiani sono state visitate quotidianamente circa 51 persone, contro una media abituale di 30-35.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato