Finanza

Alcoa, firmato l'accordo al Mise. La fabbrica passa a Sider Alloys

Alcoa, firmato l'accordo al Mise. La fabbrica passa a Sider Alloys”

L'accordo per la cessione dello stabilimento di alluminio di Portovesme da Invitalia al gruppo svizzero è stato firmato questa mattina a Roma dal governatore Francesco Pigliaru, dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e dagli amministratori delegati di Invitalia e Sider Alloys Domenico Arcuri e Giuseppe Mannina.

"Oggi è iniziato un processo e, come ho detto ai lavoratori, si festeggia quando uscirà il primo lingotto", ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, dopo l'ufficializzazione della cessione. L'Italia e' importatrice di alluminio ed e' importante aver dato una prospettiva a un territorio -, ribadisce Calenda soddisfatto anche dell'ok arrivato prima della firma di oggi alla legge sulle aziende energivore', legge che, sottolinea, "consente anche ad Alcoa di combattere ad armi pari in Europa". "Abbiamo dimostrato che la Regione c'è, c'è stata e ci sarà".

Non solo. Per Alcoa il progetto di Calenda prevederebbe anche 'la possibilita' che una quota delle azioni fosse destinata ai lavoratori che con tanta ostinazione hanno lottato per lo stabilimento -, ipotizza ancora. Ha partecipato anche il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru. L'accordo, continua Pigliaru, "significa innanzitutto salvare centinaia di posti di lavoro che fino a tre anni fa sembravano assolutamente persi e oggi invece abbiamo buone speranze di riportare una produzione di alluminio così importante".

Poi il benvenuto alla Sider Alloys, "con cui ci daremo appuntamento in tempi brevissimi perché c'è molto da fare", ha ribadito Pigliaru. "Ora - prosegue il sindacato - serve subito un confronto per conoscere nei dettagli il piano industriale, sia per quanto riguarda gli investimenti previsti, sia per i tempi che porteranno al riavvio dello smelter di Portovesme, così come per i livelli occupazionali dei lavoratori diretti e del sistema degli appalti".

"La ripartenza della fabbrica di alluminio primario - afferma il sindacato dei metalmeccanici in un comunicato -, parte rilevante della filiera di alluminio, dovrà essere il volano per il rilancio industriale del Sulcis Iglesiente, con conseguente rilancio anche della centrale Enel".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato