Finanza

Caso Maelys, il sospettato confessa l'omicidio della bimba

Caso Maelys, il sospettato confessa l'omicidio della bimba”

Su Lelandais pesa inoltre il sospetto di altri omicidi. Secondo quanto riportato dalla Bfm-Tv Lelandais avrebbe "confessato" di aver ucciso la piccola, auspicando il corpo della bimba venga ritrovato. Dopo mesi passati a negare ogni coinvolgimento, Lelandais ha cominciato oggi a cooperare con gli inquirenti dicendosi responsabile per la tragica scomparsa della bimba di 9 anni a fine agosto. La bambina era scomparsa l'estate scorsa mentre partecipava a una festa di matrimonio insieme alla sua famiglia. Si è appreso che le forze dell'ordine lo avrebbero condotto dapprima a Pont-de-Beauvoisin, dove lo scorso agosto si è tenuto il banchetto di nozze in cui è scomparsa Maelys, poi a casa sua, in Savoia, a Dommessin, e infine in un bosco nel comune di Saint-Franc, in Savoia, dove in queste ore sono in corso le ricerche che vedono coinvolti agenti e unità cinofile. L'uomo è stato indagato anche per la scomparsa di un caporale di 24 anni.

Ad accelerare l'inchiesta dopo sei mesi di stallo è stata una microtraccia di sangue rinvenuta nell'auto di Lelandais e che corrisponde a quello di Maëlys. Del militare è stato ritrovato soltanto il cranio lo scorso settembre a Montmelian, a 15 km da Chambery, al confine con l'Italia. Nell'interrogatorio, Lelandais ha indicato di aver ucciso la bambina "involontariamente" e di essersi poi "sbarazzato del corpo". Ha poi presentato le "scuse" alla stessa Maelys e ai suoi genitori.

Da subito si era pensato al trentaquattrenne: sulla sua automobile era stato trovato il dna della bambina, ma lui aveva spiegato il fatto raccontando che Maelys era salita a bordo insieme a un amichetto per salutare il suo cane.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato