Esteri

Il Foglio: "Landi (M5S) iscritto alla massoneria"; ma il candidato smentisce

Il Foglio:

"Bruno Azzerboni candidato in Calabria e Piero Landi in Toscana al momento della sottoscrizione della candidatura non hanno detto la verità e non ci hanno informato di far parte di una loggia massonica. Per questa ragione non possono stare nel Movimento 5 stelle e sempre per questo motivo gli sarà richiesto di rinunciare al seggio", afferma il Movimento riservandosi il diritto di "agire nelle opportune sedi al fine di risarcire eventuali danni di immagine". Dopo il caso Vitiello in Campania, Luigi Di Maio si ritrova ad affrontare anche la bufera per Pietro Landi che, secondo il sito del Foglio, ha nome e cognome e data di nascita identici a un Pietro Landi presente negli elenchi del Grande Oriente d'Italia.

Interpellato in proposito Landi ha smentito di essere iscritto alla massoneria ma ha precisato di aver fondato un'associazione denominata Italia punto a capo di cui farebbero parte alcuni esponenti della massoneria. Secondo il Mattino, Vitiello, rivestendo il ruolo di oratore all'interno della "Sfinge", è indicato come il "Dignitario custode della legge massonica". Fino al 23 gennaio Vitiello era tra gli "attivi e quotizzati" della loggia napoletana, poi ha lasciato per dedicarsi a pieno regime alla campagna elettorale.

Ma se così non fosse, ci troviamo con una decina di grillini eletti ma che subito dopo il 4 marzo lasceranno M5S per andare nel gruppo misto.

"Sì, però io non posso dirle altro". Non secondario, però, è il fatto che Landi ha scritto due status pubblici, uno il 2 febbraio e l'altro il 5 sulla sua pagina Facebook e sul suo profilo, per spiegare l'adesione al M5s e la sua discesa in campo: "Mi ha colpito particolarmente il buon senso delle idee portate avanti nei molteplici aspetti della vita del cittadino; nella difesa del territorio come risorsa immarcescibile e necessaria per il benessere comune; nella difesa della legalità e della trasparenza, nella lotta alle mafie e alla massoneria; nella nuova visione di paese, di un fisco amico che sostiene e indirizza anziché reprimere e penalizzare".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato