Esteri

L'Italia deficiente che sfregia Falcone e Borsellino

L'Italia deficiente che sfregia Falcone e Borsellino”

Lo sfregio è stato immortalato da Alvise Salerno, che vive a Milano ma è originario di Palermo. Ci attendiamo una risposta che non ammette ritardi e approssimazione da parte della Questura di Milano e di tutte le Forze dell'Ordine impegnate in una città che deve scoprire il volto di questi deficienti e mostrarli al mondo intero. Tra le mani di Falcone è spuntata un'arma, una pistola, realizzata con vernice rossa, puntata alla testa di Borsellino.

Milano, oltraggio al murale dedicato a Falcone e Borsellino: spunta una pistola alla tempia Galleria fotografica La foto-denuncia è partita dal profilo Facebook di Alvise Salerno, palermitano trapiantato a Milano, ed è subito diventata virale: il murale dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in corso di Porta Ticinese, realizzato dal writer siciliano Tunus, è stato vandalizzato. Salerno, dopo aver postato la foto raccapricciante, ha sbottato su Facebook: 'E' successa una cosa orrenda.

Si alza forte lo sdegno sui social per l'ennesimo atto di vandalismo che vede oggetto le figure dei giudici Falcone e Borsellino. Qualche idiota ha deciso di disegnare una pistola rossa sulla mano di Falcone, che spara in fronte a Borsellino. Un simbolo, un segno di libertà e giustizia, massacrato brutalmente. A Latina, ad esempio, lo scorso mese era stata vandalizzata la targa in onore di Falcone e Borsellino. A ucciderli, sia fisicamente in passato che iconograficamente, degli ignoranti di cui, purtroppo, non ci libereremo mai'.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato