Salute

Matteo Salvini, attacco all'Islam: "È contro la nostra Costituzione"

Matteo Salvini, attacco all'Islam:

Da lì ha lanciato un'invettiva contro l'Islam: "La questione culturale di fondo è se l'Islam, l'applicazione letterale del dettato di Maometto, oggi è compatibile con i nostri valori, con la nostra libertà e con la nostra Costituzione". E a chi sostiene che tenere aperte le moschee consenta un maggior controllo sui fedeli, ha risposto: "io che così si insediano meglio sul territorio". Dopo un po' Salvini torna in qualche modo sull'argomento commentando su Facebook un articolo dell'Huffington Post, secondo cui una paziente italiana di un ospedale sarebbe stata costretta a cambiare stanza per via del rifiuto di una paziente musulmana a condividere la stanza con un uomo, il figlio della paziente italiana che intendeva rimanere di notte a sorvegliare la madre. "Non vorrei far la fine della Gran Bretagna, che ha i tribunali islamici al posto dei tribunali inglesi".

E ancora: "Io non ho problemi religiosi e di culto con nessuno: uno può essere valdese, ebreo, protestante, buddista". "Con la Lega al Governo verranno chiusi tutti i centri islamici illegali e quelli che non rispettano i principi fondamentali di trasparenza, legalità, apertura e condivisione dei nostri valori a partire dal rispetto per le donne" dice Salvini, in Umbria a Umbertide per sostenere Riccardo Augusto Marchetti candidato alla Camera. Il leader del Carroccio, in visita elettorale a Umbertide, ha parlato della prevista costruzione di un centro culturale musulmano con i rappresentanti locali della Lega che si battono per bloccarne i lavori.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato